Main Menu

Ricerca

VCNT - Visitorcounter

Oggi 2

Ieri 17

Ultima settimana 34

Ultimo mese 383

Totale 313861

Articoli pubblicati

12° la nascita dell'ikebana secondo la tradizione

 

 

LA NASCITA DELL'IKEBANA SECONDO LA TRADIZIONE

 

 

 

la nascita dell'ikebana è associata a personaggi storici realmente vissuti ma il cui coinvolgimento con l'ikebana è storicamente improbabile.

 

Nel periodo Azuka (552-710 d.C.) viene eletta imperatrice Suiko, prima donna-tennō delle otto imperatrici che hanno regnato in Giappone e che rimane al potere dal 593 al 628 d.C. 

vedi articolo n° 11

 

 

1

Essa nomina Reggente suo nipote Shotoku Taishi, nel disegno accanto con due dignitari, disegnati più piccoli per evidenziare la sua importanza, secondo figlio dell'imperatore Yōmei, importante figura che favorì l'introduzione del buddhismo alla Corte imperiale e, secondo la tradizione, scrisse la prima Costituzione giapponese dei 17 articoli.

 

Osservando gli abiti e le pettinature, è evidente  l'influsso cinese sulla Corte imperiale giapponese in quel periodo.

 

Secondo la tradizione, Taishi fece costruire il tempio Rokkakudō (tempio esagonale) in una zona che, circa cento anni dopo, sarà  scelta come sede della Corte imperiale e chiamata Heian-kyō, l'attuale Kyoto. Gli storici concordano che il Rokkakudō fu costruit 100 anni dopo con la nuova capitale. Il Rokkakudō è la sede storica della Scuola Ikenobō.

 

3

Alla guida di due ambasciate in Cina, nel 607 e 608,  viene messo ONO NO IMOKO, nipote dell'imperatore Bidatsu (538-585) e cugino di Taishi. Il suo ritorno dalla seconda ambasciata è storicamente documentato ma questa è l'ultima notizia storica che si ha di lui: dal suo rientro dalla Cina in poi, non viene più citato in nessuna fonte.

 

 

Il messaggio imperiale giapponese, portato da Imoko all'imperatore cinese Yang nella prima ambasciata, probabilmente irritò quest'ultimo poiché metteva sullo stesso piano i due imperatori mentre la Corte imperiale cinese riteneva il giapponese un popolo insignificante e barbaro; il testo consegnato da Imoko iniziava con le parole:

"il figlio del Cielo dove nasce il sole (ossia l Giappone) al figlio del Cielo dove il sole tramonta (ossia la Cina)........."

 

Quando Ono no Imoko rientra dalla seconda ambasciata, Taishi era morto e a questo punto subentra la tradizione che afferma: Ono no Imoko prese i voti diventando abate del  Rokkakudō assumendo il nome da monaco buddhista SENMU e si racconta che cominciò a creare delle offerte floreali all'altare di Buddha come aveva imparato in Cina.

 

2

Sempre secondo la tradizione, gli viveva in una capanna presso uno stagno situato vicino al Rokkakudō, fatto che ha dato origine al nome Ike no bō (=capanna presso lo stagno); gli abati che lo seguirono nella guida del Rokkakudō continuarono ad occupersi e a sviluppare quest'arte che nel periodo Edo venne chiamata ikebana e, sin dal secondo abate, assunsero dei nomi da monaci che iniziano tutti con SEN, abitudine giunta fino ai giorni nostri.

 

Rokkakudō, Kyoto

 

 

Storicamente, il nome (Senkei o Senei) Ikenobō appare per la prima volta in un diario del monaco buddhista di Kyoto, Hekizan Nichiroku, in data 25 febbraio 1462, in cui si dice che molta gente ha visto delle composizioni in un vaso d'argento eseguite dal monaco Senei Ikenobō.

 

 

Dal 608, data storica in cui Ono no Imoko rientra dalla seconda ambasciata (e si ritira, secondo la leggenda, nel Rokkakudō assumendo il nome di Senmu) fino al 1462, anno in cui appare per la prima volta il nome ikenobō, questo nome non è mai citato in nessuna altra fonte storica a noi pervenuta.

 

Dato storico certo è che Senkei Ikenobō era al servizio dello shogun Yoshimasa e che nel 1479 questi lo nomina

 

Dai Nippon Kado no Iemoto  (colui che origina l'ikebana)

 

dimostrando la  preferenza per i Tatebana da lui creati rispetto a quelli dei dōbōshū della setta Ji, alle sue dipendenze, che per primi hanno creato i Tatebana.

 

 

Lo scritto più vecchio che ci è pervenuto in cui si parla di "disporre/mettere diritti" dei fiori è datato 20 aprile 1476: in un diario si dice che Yoshimasa, in occasione di una sua visita  al Palazzo Imperiale, chiese al suo dōbōshū Ryūami di "mettere diritti" (tateru) delle peonie, azione che viene descritta anche in altre pagine con altri fiori.

 

I dōbōshū   vedi articolo 33 , primi "creatori" di Tatebana, spariscono con la caduta degli Ashikaga e gli Ikenobō, ora gli unici che si occupano di quest'arte, iniziano quell'egemonia nel campo dell'ikebana che durerà  fino alla metà  del periodo Edo, quando nascono le altre scuole, tutte derivanti dalla scuola ikenobō.