Main Menu

Ricerca

VCNT - Visitorcounter

Oggi 2

Ieri 17

Ultima settimana 34

Ultimo mese 383

Totale 313861

Articoli pubblicati

48° i cestini nell'ikebana - cerimonia del tè, seconda parte

 

leggere prima articolo 21° sulla catalogazione: formale shin, semi-formale gyō e informale sō

 

 

I CESTINI NELL'IKEBANA

 

i cestini nel CHANOYU ( WABI-CHA ): chabana

 

Il Chanoyu è composto con molte varianti a seconda delle Scuole da una sequenza di:

 

spuntino Kaiseki, saké, dolci, cerimonia con la carbonella, Tè leggero (usucha), Tè denso (koicha); tale sequenza era divisa in due parti dalla rimozione del dipinto nel tokonoma, sostituito da una semplicissima composizione "floreale" (chabana) - al giorno d`oggi ambedue rimangono nel tokonoma -.

 

Ogni Scuola del Tè, col passare del tempo, ha modificato alcune regole (solo quelle meno importanti), valide al tempo di Rikyū (come è successo per le Scuole d`Ikebana, che hanno mantenuto le regole di base della scuola Ikenobo, ma modificato le altre, per differenziarsi una dall'altra).

 

 

1

 

 

 

La composizione chabana dev`essere semplice, senza pretese, e non segue le regole scolastiche ma i vegetali sono messi:

"come se crescessero nei campi" (secondo le regole di Sen no Rikyū) ,

in semplici vasi di bronzo, ceramica, bambù, legno, posti a terra o sospesi nel tokonoma.

 

 

 

 

Contenitori: posti al suolo, agganciati alla parete o appesi tramite catenelle al soffitto, sono classificati (vedi articolo 21°) :

 

Shin ( formali ) : vasi di bronzo o cinesi o di porcellana

Gyō ( semiformali ) : terracotta lucidi

Sō ( informali ) : terracotta semilucida o opaca, cestini

 

I vasi non devono aver disegni o decorazioni, quelli fatti di un sol pezzo di bambù (introdotti da Rikyū) sono considerati Gyō oppure Sō e i cestini erano usati solo nei mesi lunari caldi, da maggio a ottobre quando l`acqua per il Tè viene fatta bollire sul Furo  (="focolaio al vento" ossia il braciere portatile),

esempio di Furo

2

 

 

 

mentre nei mesi invernali si fa bollire l`acqua per il Tè sul Ro = "focolaio" fisso, scavato al centro della stanza, e in questi mesi i cestini non erano usati.

esempio di Ro

 3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4

 

I vasi o sono sospesi o devono appoggiare su tavole di legno 6rettangolare  ma non i cestini poiché i fiori sono inseriti, al suo interno, in vasi di bambù contenenti l'acqua e il cestino stesso fa le veci 5della tavola.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le tavole sono classificate :

 

Shin o formale:         tavole laccate di nero con angoli e bordi squadrati

Gyō o semi-formale: tavole laccate con bordi ed angoli smussati

Sō o informale:         tavole di paulonia o cedro lasciate al naturale.

 

I cestini sono classificati :

 

Shin ,   cestini a forma simmetrica con le "onde" dell`ordito di bambù precise , elaborate

Gyō ,    cestini a forma simmetrica ma con onde meno precise

Sō ,      cestini a forma irregolare e con onde irregolari

 

Solo le composizioni e tavole classificate Sō vengono spruzzate con acqua, per dare la sensazione di frescura.

 

 

Ovviamente il tipo di vegetali è scelto in funzione del tipo di contenitore (shin, gyō, sō) e il contenitore è scelto in funzione del tipo di Cerimonia (shin, gyō, sō) e il tipo di cerimonia è scelto in funzione dell'ospite o dell'occasione (formale, semiformale o informale).

 

 

7

Esempio di fiori shin sono la camelia, probabilmente per la sua relazione botanica con il tè, alcune varietà di crisantemi, simbolo dell'imperatore, la peonia, per la sua origine cinese e il loto, fiore di Buddha.

 

 

 

 

composizione shin o formale

con fiore shin

e tavola shin

 

 

I vegetali devono essere dispari (ma il 2 è permesso); Rikyū diceva che in una stanza piccola si dovrebbe usare un solo elemento, due al massimo.

 

7aUsare vegetali "poveri": fiori in boccio (ma l`ipomea e l`ibiscus devono essere aperti), fiori erbacei, erbe, viti, rami, e per la loro scelta frequentemente si fa riferimento ai vegetali citati nel MANYOSHU, antologia di antichi poemi dell`8° sec.

 

 

Nel NAMBO-ROKU (secondo la tradizione scritto da Nambō , discepolo di Rikyū, verso la fine del 1500) si cita una lunga lista di vegetali il cui uso è proibito nello Chabana :

 

1) fiori con colori violenti o vistosi o di forme molto particolari (ossia tutto ciò che è contrario allo spirito del Wabi, dando sensazioni di stravaganza o arroganza)

 

 

2) fiori che non presentino un legame specifico con una sola stagione (ad es. la Skimmia)

 

 

3) fiori troppo profumati, che entrano in conflitto con il profumo dell`incenso che brucia per purificare l`ambiente (come  dafne , rosa , gardenia)

 

 

4) fiori dall'odore sgradevole (ma la patrinia si, anche se dopo un poco puzza)

 

 

5) fiori con nomi sgradevoli (ad es. cresta di gallo)

 

 

6) rami con frutti (ma l`alkekengi si) o con le spine (ma si possono togliere) o vegetali con grossi peli

 

 

7) fiori che di solito vengono usati per l`offerta sull`altare di Buddha

 

 

8) vegetali che si possono mangiare (ma i fiori di rapa , si)

 

 

 

8

Benché non sia una regola scritta, l`ipomea bianca, preferita da Rikyū viene raramente usata per rispetto a Rikyū (riferimento all'episodio dell'ipomea/convolvolo con Hideyoshi) e inoltre a Rikyū non piacevano sia le genziane che i crisantemi poiché "durano troppo a lungo e non mostrano la bellezza dell`attimo transitorio della vita".

 

 

 

I cestini piccoli sono scelti fra le molteplici forme che in passato erano d'uso quotidiano per la raccolta di bacche, pesci, radici, cicale, fiori, ed altro; anche se queste attività non più attuali, i cestini con queste forme caratteristiche e specifiche  vengono ancora creati dagli artigiani per contenere i fiori.

 

 

L`uso di questi cestini da parte dei Maestri del Tè ha avuto un impatto sia sull`ikebana, introducendo il modo di disporre "libero" del Nageire rispetto al modo "vincolato alle regole" del Rikka, sia sulla loro produzione, aumentata e ulteriormente differenziata dopo la diffusione del Senchadō. in Giappone esistono i TESORI NAZIONALI VIVENTI, ossia maestri di arti manuali che preservano le tecniche e le abilità artistiche in pericolo di essere perdute, fra i quali ci sono vari artigiani costruttori di cestini.

 

 

 

Sono molto usati oggi quelli creati con le strisce di bambù riprendenti le forme di quei cestini "utilitari" che, al giorno d`oggi, non hanno più un uso pratico.

 7b

 

Nei contenitori con bocca piccola si usano solo uno o due elementi, se la bocca è più ampia, più elementi, di solito in numero dispari .

 

 

I vegetali usati devono essere umili, usando erbe, viti, ramoscelli, fiori di campo, con parsimonia i rami fioriti. Contenitore e contenuto vengono spruzzati con acqua in modo di dare l`idea che sia coperta da rugiada o bagnata dalla pioggia .

 

La composizione, semplice e senza pretese, deve durare solo un giorno: a seconda dell`orario d`inizio della cerimonia i fiori saranno in boccio, se avviene in mattinata, aperti, se di primo pomeriggio, molto aperti se in fine serata, sottolineando agli ospiti la sintonia con la natura e evidenziando l`unicità e la "non possibile ripetizione" di quell'incontro : « ichi go, ichi-e » (= un incontro, un momento ).

 

 

Diari descriventi gli incontri guidati da Rikyū parlano di preferenze per uno o due "fiori", se in numero maggiore sempre dispari, nei cestini grandi fino a nove; all`uscita dal contenitore, i gambi sono spogli, gli steli alleggeriti dalle foglie non necessarie e i fiori possono scendere al di sotto della bocca del cestino, in generale posizione proibita nella tradizione delle scuole d'ikebana.

 

 

 

Fra i princìpi compositivi elencati da Rikyū messi in versi (waka):

1) "I fiori devono essere come quelli che crescono nel prato"

intendendo che non devono essere messi confusamente e affollati all`eccesso ma devono esprimere lo zen tramite le sue regole estetiche.

 

2) "i fiori sono il calendario della stanza da Tè "

ossia devono esprimere la stagione

 

 

uso dei cestini scuola Ohara

 

I cestini non sono mai sollevati tenendoli per il manico, specialmente se lungo e sottile, ma sollevati da sotto coprendo le mani con un panno per evitare che il grasso della pelle li rovini.

 

 

La composizione nel cestino deve dare la sensazione di naturalezza, raffinatezza, essere spoglia, modesta, rustica; è sempre di tipo "realistico-vegetativo", mai "moderno-non-realistico" e per la scuola Ohara i cestini possono essere usati per la maggior parte delle composizioni del suo curriculum, dagli Hana-isho ai Moribana ed Heika, per gli Hanamai, Rimpa e Bunjin.

 

Il volume dei vegetali, in rapporto al contenitore, è ridotto rispetto a quello utilizzato per i vasi in ceramica e le proporzioni dei vegetali rispetto al cestino non necessariamente si basa sulle sue misure (di solito misure dei vegetali più ridotte).

 

La scelta dei vegetali è libera, in piccole quantità ( 2 o 3 specie ); evitare fiori troppo grossi o sgargianti o sofisticati (quali rose coltivate, garofani, gladioli, arum, gerbera, fiori d`origine tropicale ad eccezione delle piccole orchidee); posizionare alla base , destra o sinistra , i gruppi di foglie o fiori , in modo che il manico del cestino sia lasciato libero;

9

 10

 

quest`ultimo, se incrociato da un ramo lungo, lo sarà a circa 1/3 della sua lunghezza partendo dalla base ; se si usa una massa, questa occulta il manico solo nella parte bassa per circa 1/3; 2/3 del manico devono essere lasciati liberi.

Kawase Toshiroo, nel suo «The book of ikebana » cita i testi classici che dicono: " fiore molto aperto per preservare la forma di tutti gli altri fiori " ossia il mettere un fiore (relativamente) grande e aperto alla base della composizione (nejime), dà più unità alla composizione, soprattutto se si usano varie "erbe delicate", troppo simili fra loro nella loro "debolezza", oppure se si usa un unico ramo dalla forma elegante.

 

(C) scuola Ohara, bunjin moribana

11