Main Menu

Ricerca

VCNT - Visitorcounter

Oggi 2

Ieri 17

Ultima settimana 34

Ultimo mese 383

Totale 313861

Articoli pubblicati

51° ikebana specchio delle stagioni

 

 

IKEBANA SPACCHIO DELLE STAGIONI

 

 

La composizione, oltre che ad essere perfetta nell'esecuzione tecnica, deve dare a chi l'osserva delle sensazioni che evidenzino la stagione in cui essa è eseguita.

 

Sen no Rikyū (1522-1591), parlando della Cerimonia del tè, diceva: "in estate dare la sensazione di frescura, in inverno quella del calore", concetto estendibile anche all'ikebana.

Se consideriamo l'estate, siccome nell'antica capitale Kyoto si arriva ai 30°-40° di calore umido, la sensazione predominante che si deve percepire è la frescura che si cerca all'ombra, meglio vicino all'acqua (fiume, lago, stagno) o esponendosi all'aria mossa dalla brezza o dal vento .

 

1

 

 

Da evidenziare che gli elementi acqua e vento sono associati, per i giapponesi, sia alla purificazione (lo Shinto prevede due modi di purificazione: tramite l'acqua e tramite il vento) sia alla nascita della più importante divinità shintoista, la dea Amaterasu, da cui discende direttamente l'imperatore. La dea nacque dall'occhio sinistro (la sinistra è yang, più importante della destra, yin) durante il rito di purificazione con l'acqua fatto dal padre Izanagi dopo la sua uscita dagli Ìnferi alla fine del suo vano tentativo di ricuperare  la  moglie Izanami, morta causa le ustioni subite nel partorire il kami del fuoco.

 

 

 

purificazione shintoista con l'acqua 

 

 

Praticamente nell'ikebana la sensazione di frescura si ottiene :

 

1- usando piante acquatiche in una grande superficie d'acqua o usando vegetali non acquatici (colti nel prato, selva, bosco, collina, montagna) posizionati lievemente piegati in modo che la sensazione di frescura sia percepita tramite la vista dei vegetali piegati dalla brezza o dal vento .

 

2- anche il vedere i vegetali coperti di rugiada (spruzzati col vaporizzatore) aumenta la sensazione di frescura, come pure il vedere nel vaso basso da Moribana una superficie d'acqua estesa rispetto alla zona occupata dai vegetali.

 

3- scegliendo vegetali con specifiche forme e colori:

- le varie tonalità di blu, verde-blu e bianco, danno la sensazione di frescura come pure i colori vivaci e brillanti favoriscono questa sensazione, anche se il colore per sé stesso non ha una tonalità “fresca”.

- rosso e giallo sono colori “caldi” ma l'arancio, il mandarino o il colore giallo-limone, se vivaci e brillanti, danno pure la sensazione di frescura .

- le forme rotonde o quadrate sono più “calde” delle forme triangolari.

- vegetali o fiori con steli piegati o ricurvi sono più “freschi” che quelli diritti o verticali (il mantenersi diritto o verticale contro la forza di gravità sottintende l'uso di energia = calore).

- le linee sono “fresche” mentre le masse (con la loro “pesantezza”) sono “calde”; la “leggerezza” di un materiale lo rende fresco mentre la sua “pesantezza” lo rende caldo: ne segue che in estate sono da preferire le linee mentre in inverno sono da preferire le masse .

- pochi colori e un numero basso di specie (non più di 3) danno di più la sensazione di frescura rispetto a tanti colori o un numero elevato di vegetali; in altre parole le frescura si basa sulla semplicità.

- anche la scelta dei vasi partecipa nella sensazione di frescura: preferire vasi con colori e forme semplici.

 

 

 

Per quanto riguarda gli stili, l'uso dello stile Alto nel Moribana ed Heika, con lo Shu verticale che “usa energia” per crescere, è meno adatto per dare la sensazione di frescura rispetto all'Obliquo, Cascata e -Riflesso nell'acqua-.