Main Menu

Ricerca

VCNT - Visitorcounter

Oggi 2

Ieri 17

Ultima settimana 34

Ultimo mese 383

Totale 313861

Articoli pubblicati

63° wu xing (cinque agenti) e ikebana

 

 

wu xing (cinque agenti), I Ching e ikebana

 

 

1

 

La teoria del Wu Xing ha influenzato tutta la cultura giapponese quindi anche l'ikebana.

 

Per il Taoismo, l'interazione di yin e yang è espressa attraverso cinque manifestazioni base dell'energia ossia i cinque elementi:

terra, acqua, fuoco, metallo e legno

Il termine non si riferisce ai cinque elementi che si possono trovare ovunque in natura, ma è una metafora che si riferisce ai cinque modi attraverso cui il Qi si esprime nell'universo. I cinque elementi sono semplicemente una figura simbolica per rappresentarele cinque fasi di movimento del Qi.

 

 

2

 

 

 

Le cinque fasi, rappresentate dagli elementi terra, acqua, fuoco, metallo e  legno , sono raffigurate nella loro forma simbolica visibile a lato (riproduzione attuale/moderna) chiamata GORINTO

 

 

I gorinto sono comuni nei tempi e cimiteri buddhisti

3

 54

7 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

nel sincretismo religioso giapponese, i cinque elementi rappresentano il corpo di Buddha

 

 

 

 

 

 Anche se non è necessario per l'ikebanista conoscere nei dettagli la complicata  teoria del Wu Xing, è affascinante vedere come nei vecchi testi di ikebana la teoria sulle regole compositive del Rikka formale/shin  vedi art. 21°, che è all'origine di tutti i successivi stili inclusi quelli della Scuola Ohara,  sia in concordanza e rappresenti anche i cinque elementi del wu xing come evidenziano questi disegni.

 11109

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

i nomi usati dalla Scuola Ohara shu, fuku e kyaku sono stati inseriti sopra quei rami del Rikka che diventeranno i suoi tre rami principali.

 

 

 

 

 

 Nei vecchi testi è evidente anche la concordanza fra gli esagrammi dell'I CHING e l'ikebana

 

1214

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

13 

 

 

concordanza presente anche nella costruzione e disposizione degli spazi nella capanna per la Cerimonia del tè fra i trigrammi dell'I Ching e le disposizioni dell'ambiente.

15

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Nel periodo Tokugawa l'I Ching ( Libro dei Mutamenti ) era un testo di capitale importanza, molto seguito e la teoria yin-yang (vedi art. 15° e 23°) con quella dei cinque agenti  (wu xing) erano il fondamento teorico  nell'astronomia, medicina, botanica, matematica, architettura e molte altre arti, Chanoyu e Ikebana compresi: queste teorie, conosciute prima del 1600 da relativamente poche persone (nobiltà shogunale e imperiale e alti prelati buddhisti) , nel periodo Edo si diffusero fra i sempre più numerosi ricchi cittadini della classe degli artigiani e mercanti (chonin), persone che, benché nel gradino più basso della scala sociale Tokugawa, furono creatori e patrocinatori di nuove forme d'arte e contribuirono, con altri fattori, alla fine dello Shogunato.

 

 

 Per quanto riguarda l'Ikebana, secondo Wai-ming Ng, autore di "The I Ching in Tokugawa Thought and Culture", 1962,  questa era l'arte in cui questi princìpi  erano più applicati rispetto alle altre arti e in un testo di fine 1700  (Trasmissioni orali dell'ikebana della Scuola Sen) si specifica perentoriamente che: "la composizione, se non è basata su questi princìpi, non è un Ikebana".